Certificazione NHACCP, inaugurato il primo laboratorio di analisi chimico-fisiche

Europe is Culture – giovani, patrimonio e arte contemporanea
18/04/2018
Dipendenza da internet o tecnologie per prepararsi al futuro? Un progetto in Campania
22/06/2018

Certificazione NHACCP, inaugurato il primo laboratorio di analisi chimico-fisiche

A Verbicaro (Cosenza) il seminario sulla Nutrizione 4.0 ha celebrato l’apertura della struttura d’eccellenza

COSENZA – Finalmente apre le porte il primo laboratorio al mondo di analisi NHACCP. La Fondazione ITS BACT ha inaugurato a Verbicaro (Cosenza), nella giornata del 26 maggio 2018, il primo laboratorio di analisi chimico-fisiche per la certificazione del processo NHACCP (Nutrient & Hazard Analysis of Critical Control Point) fondato dall’Istituto Controllo Qualità NHACCP (ICQ NHACCP). A inaugurare il laboratorio un seminario presso l’Azienda Calabria Verde di Verbicaro, sul tema “Nutrizione 4.0: l’innovazione della certificazione NHACCP”, moderato da Annamaria Francesca Mete.

 

Nel primo panel hanno preso parte: il presidente della Fondazione ITS BACT e dell’ICQ NHACCP, Aniello Di Vuolo, il Sindaco di Verbicaro Francesco Silvestri, il Sindaco di Aieta Gennaro Marsiglia, il Sindaco di Orsomarso Antonio De Caprio, il Sindaco di Papasidero Fiorenzo Conte, il Sindaco di Praia a Mare Antonio Praticò, il Sindaco di Santa Maria del Cedro Ugo Vetere.

Nel panel 2 sono intervenuti: Laura Di Renzo (Ricercatrice e Professore di Genomica nutrizionale Facoltà Medicina e Chirurgia Università Tor Vergata di Roma), Carmine Nardone (Presidente di Futuridea, Membro dell’Accademia dei Georgofili), Ercole Mete (Responsabile tecnico ALPAA Associazione Lavoratori Produttori Agroalimentari Ambientali), Aloisio Mariggiò (Generale Arma dei Carabinieri, Commissario Azienda Calabra Verde), Giuseppe Zimbalatti (Direttore Dipartimento Agraria Università di Reggio Calabria), Maria Brunella Stancato (Presidente Senior Italia per la Calabria), Vito Ferrara (Generale Arma dei Carabinieri, Direttore di Sanità), Antonio Limone (Direttore Generale Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno), Adelmo Lusi (Generale Arma dei Carabinieri, Comandante dei Carabinieri per la Tutela della Salute), Franco Laratta (Amministratore ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), Carmelo Salvino (Direttore Generale Assessorato Agricoltura Regione Calabria), Antonio De Lorenzo (Direttore Scuola Specializzazione in Scienze dell’Alimentazione Facoltà Medicina e Chirurgia Università Tor Vergata – Roma).

 

Il laboratorio rappresenterà una vera innovazione per il sistema di tracciabilità molecolare, le analisi ambientali, la genotipizzazione per la certificazione genetica e per l’analisi chimico-fisica dei prodotti alimentari. Il processo NHACCP misura l’impatto degli alimenti sulla salute, e consiste in una importante attività coordinata di filiera, per la sorveglianza dei residui di sostanze di uso agricolo e zootecnico, sia illecite sia autorizzate, e di contaminanti ambientali negli alimenti, nonché una base essenziale per la promozione di un prodotto nazionale sicuro e la tutela del consumatore. Il processo NHACCP, attraverso un percorso di tracciabilità di un biomarcatore nutrizionale rappresenta l’evoluzione concettuale e scientifica del sistema HACCP, dove il fine ultimo è il mantenimento di uno stato di salute ottimale del consumatore attraverso la gestione della qualità nutrizionale dell’alimento.

Il laboratorio inaugurato prevedrà l’utilizzo, in modo estensivo, di strumentazioni all’avanguardia e tecnologie avanzate (strumentali, biomolecolari e genomiche) per la ricognizione degli effetti degli alimenti prodotti, misurando e massimizzando il potenziale salutistico e nutraceutico.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *