Dipendenza da internet o tecnologie per prepararsi al futuro? Un progetto in Campania

Certificazione NHACCP, inaugurato il primo laboratorio di analisi chimico-fisiche
27/05/2018
ITS BACT, arriva la premialità per il corso sul Marketing e Turismo Digitale
22/06/2018

Dipendenza da internet o tecnologie per prepararsi al futuro? Un progetto in Campania

Il progetto WEB FRIEND è diretto ad affrontare uno dei fenomeni oggi più allarmanti: l’utilizzo eccessivo di internet che può indurre una vera e propria, dipendenza.

I nativi digitali, ovvero gli adolescenti di tutti i Paesi del mondo, trascorrono tre ore o più al giorno su internet, diventando preda di quel che oggi viene ritenuto un disturbo psicologico, ed è divenuto oggetto di viva attenzione da parte della comunità scientifica: l’Internet Addiction Disorder (IAD). Restare connessi a Internet, controllare periodicamente Facebook, scambiarsi sms sono parte ineliminabile della vita quotidiana degli adolescenti (e non solo), che, del resto, vengono detti digital native proprio perchè nati e cresciuti in questo mondo ad altissimo tasso di tecnologia.
I dati di una ricerca di Eurispes riferiscono che i ragazzi tra i 13 e i 18 anni utilizzano il proprio tempo:  il 33,9% in siti di immagini pornografiche, il 19,3% in siti che incitano alla violenza, tra cui quelli dediti all’odio contro gli stranieri (13,1%) oppure a commettere un reato (12,1%). Vi sono poi siti che esaltano l’anoressia, consultati dal 9,9% del campione, o che danno, al 4,9%, consigli su come suicidarsi. Ma non basta. Più di 1 adolescente su 10 gioca d’azzardo online. Più di 1 su 4 è vittima di cyberbullismo: sulla rete ha trovato pettegolezzi o falsità sul proprio conto, frasi che rivelano fatti privati, foto o video personali pubblicati senza autorizzazione magari da coloro che considerava amici, con conseguente dolore, imbarazzo, mortificazione. Telefono Azzurro rivela che a volte sono gli stessi adolescenti a mettersi in situazioni spiacevoli o pericolose sempre attraverso internet. Una parte delle situazioni sgradevoli deriva dalla pubblicazione o invio di dati personali: Il 6,9% da foto hot di sé stessi, il 5,2% dell’indirizzo di casa, il 2,9% del numero della carta di credito.
Computer e smartphone fortificano la vita sociale degli adolescenti, li fanno sentire dentro le cose, al passo con gli altri. Ma spesso si finisce nel gorgo di chat e social network (facebook, Instagram e tanti, anche più segreti) che rischiano di minacciare uno sviluppo psicologico sano o addirittura l’incolumità fisica, in un mondo in cui si oramai si crede a qualunque dato, se pubblicato su internet.
Investendo in questo modo il tempo che potrebbe invece essere dedicato ad altre attività, i più vulnerabili finiscono per entrare in una “vita parallela” che li tiene lontani dalle gioie, le responsabilità, le emozioni e le persone reali.
Una “ Scuola di tecnologia”, seppure terziaria e professionalizzante, come l’ITS BACT , nella sua veste di agenzia educativa, di supporto alla famiglia e alla scuola, intende contribuiread una educazione all’uso delle tecnologie affinché queste non creino condizioni di disagio e di rischio nei giovani.
Il progetto WEB FRIEND nasce in una logica di rete territoriale, con una offerta molto articolata per i giovani ma anche con il coinvolgimento della comunità di riferimento, per spiegare e preparare all’uso dei media elettronici.
In un mondo che parla di Industria 4.0 come nuova rivoluzione industriale, si vogliono coinvolgere i ragazzi aiutandoli, non solo a essere partecipi e inseriti nei nuovi contesti lavorativi, ma anche fin da subito a ridurre i rischi di IAD in cui rischiano di cadere.
SE VUOI VALUTARE IL TUO GRADO DI DIPENDENZA DA INTERNET FAI IL TEST

Test dipendenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *